ArgoIT.com

Argo Comunicazioni Argo Comunicazioni Argo Comunicazioni Argo Comunicazioni Argo Comunicazioni
GSE Conto Energia 2013-2016: tariffa incentivante, omnicomprensiva e premio

GSE Conto Energia 2013-2016: tariffa incentivante, omnicomprensiva e premio

Fonte: rinnovabili.it

La Divisione Energie di ARGO è chiamata ogni giorno a risolvere, in ambito industriale, civile e istituzionale, le più diverse esigenze riguardanti la gestione efficace ed efficiente delle energie grazie a un servizio di prim’ordine, proponendo sia soluzioni complete che consulenze strategiche nella definizione delle migliori soluzioni e/o partner tecnologici.
Per questo, un costante aggiornamento sui Conto Energia pubblicati dal Ministero dello Sviluppo Economico in concerto con il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, si rivela essere di fondamentale importanza per una sempre maggior preparazione professionale per soddisfare i le esigenze dei propri Clienti ed essere sempre al passo coi tempi.

A partire dal gennaio 2013 l’incentivo cambierà “struttura”. Vediamo quali sono i sostanziali cambiamenti: cessa la Tariffa Incentivante per tutta l’energia prodotta, viene introdotta una Tariffa Omnicomprensiva per la sola energia ceduta in rete, viene introdotta la Tariffa Premio. La tariffa incentivante, tipica del conto energia per il fotovoltaico, è un incentivo puro all’energia prodotta.

GSE conto energia 2013-2016La tariffa omnicomprensiva, vigente per tutte le altre fonti, è un corrispettivo riconosciuto all’energia immessa in rete ed è formata da due componenti: una parte che retribuisce la vendita dell’energia alla rete e una parte che rappresenta il premio, l’incentivo. Con il 2013 la tariffa incentivante cessa e viene sostituita da una tariffa omnicomprensiva che racchiude in sè due componenti: quella retribuitiva e quella incentivante. Al fotovoltaico, rispetto alle altre fonti rimane un vantaggio ulteriore, ovvero la Tariffa Premio, riconosciuta specificatamente all’energia autoconsumata.

Il Decreto Ministeriale del 5 maggio 2011, all’articolo 3 stabilisce, infatti:

“componente incentivante delle tariffe: fino al 31 dicembre 2012 è il valore delle tariffe incentivanti; successivamente a tale data, è convenzionalmente assunta pari al valore della tariffa premio sull’autoconsumo”.

Quel che risulta difficile, al momento, è una simulazione delle tariffe poichè, come già detto, quelle future comprenderanno tutto (acquisto dell’energia e componente incentivante).

La simulazione risulta più attendibile per chi prevalentemente autoconsuma o, viceversa, per chi prevalentemente vende energia. Quindi chi per lo più autoconsuma deve confrontare le tariffe attuali alla Tariffa autoconsumo di inizio 2013; chi prevalentemente vende deve confrontare le tariffe attuali con la differenza tra tariffa omnicomprensiva e tariffa di autoconsumo di inizio 2013. Il tutto nella consapevolezza che tali tariffe sono soggette a decrementi anche abbastanza veloci per cui ogni simulazione può risultare poco credibile nel contesto e nello scenario di un mercato in veloce evoluzione e cambiamento.




La nuova filosofia strategica: Content Marketing VS Pubblicità Tradizionale

La nuova filosofia strategica: Content Marketing VS Pubblicità Tradizionale

L'articolo più letto

Risparmio energetico in Veneto e finanziamento alle imprese
Risparmio energetico in Veneto e finanziamento alle imprese

Un fondo di quasi 40 milioni di euro per le PMI venete che investono nel risparmio energetico per...