ArgoIT.com

Argo Comunicazioni Argo Comunicazioni Argo Comunicazioni Argo Comunicazioni Argo Comunicazioni
Indirizzi pubblici sul Web?

Indirizzi pubblici sul Web?

Riferimento: Shinynews

Nel progettare campagne di e-mail marketing o per l’invio di newsletter si ricorre spesso alla raccolta di indirizzi pubblici presenti online. Ma sono veramente pubblici tali indirizzi? In questo, sta la differenza tra un’azione legale e una illegale.

La legge 675/96 sulla Privacy ha lasciato qualche dubbio rispetto alla liceità o meno di spedizione di avvisi e-mail a indirizzi presenti sul Web. In Internet, infatti, sono disponibili milioni di indirizzi di posta elettronica: sui siti personali, nelle pagine aziendali, nei forum, sui newsgroup. Molte aziende, professionisti e semplici detentori di siti hanno spesso fatto ricorso a questi indirizzi “pubblici” per promuovere e far conoscere il proprio sito o la propria attività. Ma sono nel giusto? La risposta è chiaramente no.

I dubbi interpretativi

Molti attori hanno utilizzato quegli indirizzi “pubblici” semplicemente senza conoscere la legge sulla privacy. La legge 675/96 disciplina anche l’invio di e-mail di qualsiasi tipo. Intanto, la differenza tra e-mail con valore commerciale (pubblicitarie) o informativo è ininfluente ai fini della liceità. L’unica differenza riguarda le possibilità sanzonatorie (più pesanti per e-mail con valore commerciale).
Altri attori, pur conoscendo la legge 675/96 sono convinti di essere nel giusto perché male interpretano un punto (quello c) dell’articolo 12. Tale articolo riguarda i casi di esclusione del consenso e tra questi si citano i dati “provenienti da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque”. Naturalmente, l’esclusione del consenso vale per il primo invio: se un utente chiede di non ricevere più le comunicazioni, la sua volontà dovrà essere rispettata. Ma la norma vale soltanto per gli indirizzi pubblici. Quelli presenti online devono essere considerati tali?


società garante privacy verona
La soluzione del Garante

La risposta è assolutamente negativa. A chiarirlo, a più riprese, è stato lo stesso garante della privacy. In diverse decisioni, il garante ha detto chiaramente che la norma

“non si riferisce a qualunque dato personale che sia di fatto consultabile da una pluralità di persone, ma ai soli dati personali che oltre ad essere desunti da registri, elenchi, atti o documenti “pubblici” (in particolare in quanto formati o tenuti da uno o più soggetti pubblici), siano sottoposti ad un regime giuridico di piena conoscibilità da parte di chiunque”.


Il concetto giuridico chiave, invocato dal garante a sostegno di questa tesi è quello per cui “la conoscenza di fatto degli indirizzi ... non può essere disgiunta dalla finalità per cui essa avviene”. In sostanza, un utente pubblica il suo indirizzo e-mail su un sito, in un newsgroup o in un forum per certe finalità, e tale indirizzo non può essere dunque utilizzato per altre finalità.

Le conclusioni
Pertanto è da considerarsi illegale la spedizione di e-mail a indirizzi pubblicati sul Web sia che la raccolta di tali dati avvenga, per così dire, manualmente, a uno a uno, sia che essa sia affidata a strumenti automatici, cioè a specifici software che scandagliano la rete per raccogliere gli indirizzi, come gli spider.
Lo spamming, purtroppo, rappresenta ancora un danno enorme alla rete e allo sviluppo dell’e-commerce, come dimostrano gli ultimi dati. Tutti devono iniziare ad avere una coscienza diversa del fenomeno, anche quando si crede di non attuarlo.

 




INTERNET VOLA WiFi Ufficio e Casa

INTERNET VOLA WiFi Ufficio e Casa

Login

Argo File Server

L'articolo più letto

Le favole insegnano come proteggersi dai pericoli in internet: protezione dei dati e furto di identità
Le favole insegnano come proteggersi dai pericoli in internet: protezione dei...

La Schweizerische Kriminalprävention - Prévention Suisse de la Criminalité...