ArgoIT.com

Argo Comunicazioni Argo Comunicazioni Argo Comunicazioni Argo Comunicazioni Argo Comunicazioni
Obbligo di esporre la Partita IVA nella home page del sito WEB

Obbligo di esporre la Partita IVA nella home page del sito WEB

Riferimento: unisi.it

Non tutti sanno che... Chi è in possesso di Partita IVA ha l'obbligo di esporla sulla Home Page del sito web aziendale.

Anche se la legge è in vigore dal Dicembre 2001 sembra che quasi nessuno, anche tra gli addetti ai lavori, ne sia a conoscenza.

L'articolo 35 - comma 1 - del DPR 633/72 dice che i soggetti in possesso di partita IVA devono pubblicare sulla home page dell'eventuale sito internet il codice di partita IVA.

obbligo partita iva sui siti webLa mancata esposizione del numero di Partita IVA è perseguibile con una sanzione amministrativa variabile da 258,23 a 2.065,83 euro, trattandosi di violazione agli obblighi di comunicazione prescritti da legge tributaria. Se sul tuo sito non c'è il numero di partita IVA chiedi a chi si è occupato della realizzazione del sito web di apportare la variazione.

Il fatto che poi probabilmente nessuno verrà a contestarvi questa violazione, considerato anche che la maggior parte dei siti web della P.A. non espone il numero di Partita IVA, è un altro discorso.

-----

Sorpresa per le aziende che hanno un sito Internet. L'agenzia delle Entrate ha infatti spiegato che la partita Iva deve sempre risultare sulla homepage del proprio sito web.

Il riferimento è al fatto che, mentre l'articolo 35, comma 1, del Dpr 633/72, prevede, tra l'altro, che il numero di partita Iva debba risultare nella homepage dell'eventuale sito web, il successivo comma 2 dispone la necessità di indicare l'indirizzo web nella dichiarazione d'inizio attività soltanto se si esercita attività di commercio elettronico.

Una lettura coordinata delle due disposizioni aveva, quindi, portato a ritenere corretta la pubblicazione sulla rete del numero di partita Iva solo per i soggetti che utilizzano Internet a scopi commerciali e non soltanto a fini meramente pubblicitari e propagandistici.

Sorprendentemente, invece, l'Agenzia ha precisato che l'obbligo di indicazione ricade su tutti i soggetti che possiedono un sito web, indipendentemente dall'attività svolta sul sito.

"Comunichiamo a tutti gli utenti che, a seguito della risoluzione Ministeriale n.60 del 16/05/2006, ogni possesore di sito WEB deve indicare nella Home -Page il proprio numero di Partita Iva. Tutto ciò indipendentemente dal fatto che l'azienda effettui commercio elettronico, ma anche se si utilizza il sito per scopo propagandistici e pubblicitari ed a prescindere dalle concrete modalità di esercizio dell'attività".




INTERNET VOLA WiFi Ufficio e Casa

INTERNET VOLA WiFi Ufficio e Casa

Login

Argo File Server

L'articolo più letto

Il cybermobbing è peggio del bullismo, lo spiega con una fiaba la PCS
Il cybermobbing è peggio del bullismo, lo spiega con una fiaba la PCS

La Schweizerische Kriminalprävention - Prévention Suisse de la Criminalité...